56. Il microchip della felicità

I microchip sono una manifestazione diretta del desiderio umano, il che significa che portano con sé alcuni residui emotivi.

Lo scopo nell’impiantare microchip non è solo quello di controllare le persone (l’aspetto “burattino”), ma anche apparentemente di renderle felici (l’aspetto “euforia”).

L’impianto di microchip non è qualcosa di accidentale. Questa è la logica conseguenza del desiderio di controllare le persone, che è sempre stato uno degli obiettivi principali della storia umana.

Cercare di controllare le persone non è solo un gioco di potere, ma anche un tentativo di liberarsi dalla responsabilità delle proprie azioni.

La stessa cosa accade con l’uso di droghe sintetiche. È un tentativo di sfuggire alla responsabilità delle proprie azioni, che porta anche alla dipendenza e ad altri problemi psicologici.

Mentre in passato le persone controllavano le altre persone attraverso la manipolazione psicologica (lavaggio del cervello), ora usano microchip e droghe legali sperimentali.

 

°°°°°

 

Microchips are a direct manifestation of human desire, which means they carry with them certain emotional residues.

The purpose of implanting microchips is not only to control people (the ‘puppet’ aspect), but also to make them happy (euphemistically called the ‘euphoria’ aspect).

The implantation of microchips is not something accidental. This is the logical consequence of a desire to control people, which has always been one of the main goals in human history.

Trying to control people is not only a power game, but also an attempt to free oneself from responsibility for one’s actions.

The same thing happens with the use of synthetic drugs. It is an attempt to escape from responsibility for one’s actions, which also leads to addiction and other psychological problems.

While in the past, people used to control other people through psychological manipulation (brainwashing), they now use microchips and experimental legal drugs.